Identificato gene-chiave sospettato di essere causa di obesità
Data:
Argomento: Aggiornamenti sull'obesità da MEDLINE


Lo screening genomico di 575 soggetti obesi e di 646 controlli per gli alleli polimorfici di GAD2 ha permesso di identificare un gruppo di alleli "protettivi" verso l'obesità e un altro gruppo che aumenta il rischio di sviluppare obesità...



Froguel e colleghi avevano in precedenza dimostrato una forte correlazione tra una regione del cromosoma 10 e obesità. In particolare, il marker di questo linkage (D10S197) era localizzato nell'introne 7 del gene GAD2, che codifica per la decarbossilasi dell'acido glutammico o GAD65. Tale enzima catalizza la formazione di acido gamma-aminobutirrico o GABA dall'acido glutammico. Il GABA, che rappresenta il neurotrasmettitore inibitorio più diffuso nel cervello, è normalmente colocalizzato con il neuropeptide Y o NPY nei neuroni ipotalamici che regolano l'assunzione di cibo. In particolare, il GABA collabora con l'NPY a stimolare il consumo di cibo e lo fa inibendo la funzionalità dei neuroni melanocortinergici. Questi ultimi rilasciano alfa-MSH, l'ormone stimolante i melanociti, che si è dimostrato uno dei più importanti trasmettitori anoressizzanti: l'inibizione del suo rilascio da parte del GABA impedirebbe, dunque, l'azione anoressizzante dell'alfa-MSH stesso e un incremento del consumo di cibo.
Lo screening genomico di 575 soggetti obesi e di 646 controlli per gli alleli polimorfici di GAD2 ha permesso di identificare un gruppo di alleli "protettivi" verso l'obesità e un altro gruppo che aumenta il rischio di sviluppare obesità. I soggetti obesi con due copie di un allele a rischio dimostravano anche una maggiore difficoltà a controllare il consumo di cibo rispetto ai controlli. In effetti, trasfettando il gene mutato in cellule competenti si è dimostrata una trascrizione dello stesso 6 volte maggiore rispetto a quella del gene normale, determinando una marcata produzione di GABA. Dunque, i soggetti obesi con mutazioni nel gene GAD2 produrrebbero normalmente maggiori quantità di GABA e, quindi, tenederebbero a consumare più cibo rispetto ai soggetti di controllo.
Questo lavoro, se confermato in altre popolazioni, potrebbe offrire importanti informazioni sui meccanismi fisiologici e fisiopatologici che sono alla base del controllo o della disfunzione dell'omeostasi energetica e dell'obesità. Tali risultati potrebbero favorire anche lo sviluppo di nuovi farmaci anti-obesità.

Boutin P, Dina C, Vasseur F, Dubois S, Corset L, et al. GAD2 on
chromosome 10p12 is a candidate gene for human obesity. PLoS Biol. 2003 Pre-Issue Publication

Plos Biology - Home page

Full text (PDF)



Scitto da

Enzo Nisoli, MD PhD. Center for Study and Research on Obesity
Department of Preclinical Sciences
University of Milan
LITA Vialba, Luigi Sacco Hospital


key words:
cause genetiche, genetica, geni, gene,cromosoma 10, acido gamma-aminobutirrico, GABA, neuropeptide Y, NPY, acido glutammico, GAD65, introne 7, neurotrasmettitore



Questo Articolo proviene da Società Italiana dell'Obesità - Sezione Regionale della Lombardia
http://tuosito.com

L'URL per questa storia è:
http://tuosito.com/modules.php?name=News&file=article&sid=21