SIO

SIO_it

  Registrati SIO Nazionale ·  Contattaci · Cerca · Iscriviti · Corsi ECM · Login · Logout/Esci 16 gennaio 2018

· Home
· News
· Archivio notizie
· Cerca
· Organi Societari
· Corsi ECM
· Link
· Download
· Principi e privacy
· Diventa Socio
· Raccomandaci

Utenti registrati
· Pagina personale
· Posta privata

· Lista Utenti

Utilità di calcolo
· Calcola il tuo BMI
· Spesa energetica

Ricerca su MEDLINE
· Per categorie
· Libera


Utilità Soci
· Soci MailBox
· Configura Posta


Who's Online
In questo momento ci sono, 16 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

HONcode


We subscribe to the HONcode principles of the HON Foundation. Click to verify.
Noi aderiamo ai principi HONcode.
We subscribe to the HONcode principles.
Verify here.


L’obesità nelle malattie cronico degenerative extrapiramidali
Aggiornamenti sull'obesità da MEDLINE Sono Italiani gli studi che evidenziano l’aumento di peso dei pazienti affetti da malattia di Parkinson, l’incremento ponderale è dovuto alle nuove terapie farmacologiche che diminuiscono gli effetti collaterali della terapia con L-dopa ed all’ intervento di neurostimolazione profonda....

I Pazienti affetti da Malattia di Parkinson sono più obesi rispetto alla popolazione italiana di riferimento. L’aumento di peso è il maggior problema nutrizionale nei primi 11 anni di malattia. La malnutrizione compare mediamente a 14 anni dall’esordio ed è legata agli effetti collaterali del trattamento farmacologico a base di levodopa.
I pazienti obesi svolgono un’attività fisica significativamente inferiore rispetto ai pazienti normopeso, lo afferma uno studio, effettuato su 364 pazienti, pubblicato EJ Clinical Nutrition, condotto a Milano presso l’Istituto Parkinson (1).
Un recente studio francese (2) effettuato su 19 pazienti parkinsoniani sottoposti a stimolazione cerebrale profonda bilaterale in corrispondenza del nucleo subtalamico conferma i risultati di una ricerca eseguita presso lo stesso Istituto Parkinson di Milano su 30 pazienti (3).
I pazienti parkinsoniani, sottoposti all’intervento di neurostimolazione, sono aumentati mediamente di circa 10 kg in 1 anno. Lo studio della composizione corporea ha stabilito che l’aumento consisteva prevalentemente in tessuto adiposo, che è aumentato mediamente del 3,5%. L’aumento di peso è dovuto ad una riduzione del consumo energetico a riposo senza riduzione dell’ingestione di cibo. Il 16% dei pazienti è diventato obeso.

1 Barichella M, Marczewska A, Vairo A, Canesi M, Pezzoli G.
Is underweightness still a major problem in Parkinson's disease patients?
Eur J Clin Nutr. 2003 Apr; 57(4): 543-7. Abstract


2 Yekhlef F, Ballan G, Macia F, Delmer O, Sourgen C, Tison F.
Routine MRI for the differential diagnosis of Parkinson's disease, MSA, PSP, and CBD.
J Neural Transm. 2003 Feb; 110(2): 151-69. Abstract

3 Barichella M, Marczewska AM, Mariani C, Landi A, Vairo A, Pezzoli G.
Body weight gain rate in patients with Parkinson's disease and deep brain stimulation.
Mov Disord. 2003 Nov; 18(11): 1337-40. Abstract



Nota: Scritto da

Michela Barichella MD
Responsabile del Servizio Dietetico
Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano

Key words: Parkinson, BMI, obesità, malattie degenerative, effetti collaterali, L-Dopa, incremento ponderale, ingrassamento, aumento di peso

Postato il di webmaster



 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico


Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.